header-text

16 febbraio 2015, 00.00 / Cinema Rouge et Noir

anteprime queer

En duva satt på en gren och funderade på tillvaron / Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza

Roy Andersson

Svezia-Germania-Norvegia-Francia 2014 / 100' / v.o. sott. it.

Come una coppia di Don Chisciotte e Sancho Panza dei nostri tempi, Sam e Jonathan, due venditori ambulanti di travestimenti e articoli per feste, ci accompagnano in un caleidoscopico viaggio attraverso il destino umano. Trentanove episodi girati con camera fissa creano questo percorso che svela la bellezza insita in alcuni singoli momenti, la meschinità di altri, l’ironia e la tragedia nascosti dentro di noi, la grandezza della vita, ma anche l’assoluta fragilità dell’umanità. Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza è pervaso da un raffinato humour insieme a quel gusto dell’assurdo tipico del cinema scandinavo. Una brillante commedia che conclude la geniale trilogia di Roy Andersson, vincendo il Leone d’oro al settantunesimo festival di Venezia.

Just like Don Quixote and Sancho Panza of our times, Sam and Jonathan, two peddlers who sell costumes and party items, will lead us though a kaleidoscopic journey across human destiny. Thirty-nine static-shot episodes create this route that reveals the beauty lying in some single moments, the pettiness of others, the irony and tragedy hidden inside us, the greatness of life, but also the extreme weakness of human beings. A pigeon sat on a branch reflecting on existence is pervaded by a refined humour together with that taste of the absurd typical of the Scandinavian cinema. An extraordinary comedy that concludes the genial trilogy by Roy Andersson, winning the Golden Lion at the 71th Venice film festival.

Roy Andersson

Nasce il 31 Marzo del 1943 a Gothenburg, Svezia. Dopo una lunga serie di cortometraggi amatoriali, dirige Una storia d’amore Svedese (1970) che riceve numerosi premi cinematografici, partecipando anche al Festival di Berlino. Seppur abbia dedicato gran parte della sua carriera alla regia di spot e documentari a tematica politico-ambientale (ben 400 in tutta la sua carriera), dopo una lunga pausa dal mondo del cinema realizza Canzoni del secondo piano (2000) che diventa il primo capitolo di una trilogia del grottesco e dell’assurdo con i successivi You, the Living (2007) e Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza (2014). Quest’ultimo gli vale il Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia.

He was born on March 31th 1943 in Gothenburg, Sweden. After a long series of amateur short movies, he directed A Swedish Love Story (1970) which won several cinematographic prizes and was also presented at the Berlin International Film Festival. Although he dedicated most of his career to commercials and documentaries with politicalenvironmental themes (400 in all his career), after a long break from cinema he directed Songs from the Second Floor (2000) which became the first chapter of a grotesque and absurd trilogy with the consecutive You, the Living (2007) and A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence (2014). The final one won the Golden Lion Award at 71st Venice International Film Festival.

En duva satt på en gren och funderade på tillvaron / Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza

Roy Andersson

Svezia-Germania-Norvegia-Francia 2014 / 100' / v.o. sott. it.

screenplay Roy Andersson

cinematography István Borbás, Gergely Pálos

editing Alexandra Strauss

cast Holger Andersson, Nils Westblom, Charlotta Larsson, Viktor Gyllenberg, Lotti Törnros, Jonas Gerholm, Ola Stensson, Oscar Salomonsson, Roger Olsen Likvern

producer Pernilla Sandström

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.