header-text
Immagine-contatto

JOÃO PEDRO RODRIGUES

GIURIA INTERNAZIONALE
INTERNATIONAL JURY / 2017

João Pedro Rodrigues è nato a Lisbona e ha cominciato i suoi studi di ornitologia alla facoltà di Biologia dell’Università di Lisbona, presto abbandonati per frequentare la Escola Superior de Teatro e Cinema dove si è diplomato in cinema. Ha diretto cinque lungometraggi: O Fantasma (2000), Odete (2005), Morrer como um homem (2009), A última vez que vi Macau (2012) – co-diretto con João Rui Guerra da Mata – e O ornitólogo (2016). Ha diretto anche parecchi cortometraggi, alcuni insieme con Rui Guerra Da Mata. Iec Long (2014) è il loro ultimo lavoro insieme e appartiene a un gruppo di lavori chiamati “Film asiatici” tra cui Alvorada Vermelha (2011), Mahjong (2013), O que arde cura (2012). I suoi film sono stati presentati in anteprima e hanno vinto vari premi all’interno dei più celebri festival di cinema come Cannes, Venezia, Locarno e Berlino. I suoi lavori esplorano il desiderio umano in tutte le sue forme – e in tutti i suoi travestimenti – riflettendo la variegata storia del cinema, dai generi classici ai film e documentari sperimentali.

João Pedro Rodrigues was born in Lisbon. He began by studying Biology at Lisbon University to become an ornithologist but soon gave it up for Cinema Studies and graduated from Lisbon Film School. He directed five features: O Fantasma (2000), Odete (2005), Morrer como um homem(2009), A última vez que vi Macau (2012) - co-directed with João Rui Guerra da Mata - and O ornitólogo (2016). He also directed several shorts, some together with Guerra da Mata, being Iec Long (2014) their newest film together and belonging to a body of work they like to call their “Asian films” including Alvorada Vermelha (2011), Mahjong (2013), O que arde cura (2012). His films premiered and won prizes at the world’s foremost film festivals, including Cannes, Venice, Locarno and Berlin. His work explores human desire in all its guises - and disguises - reflecting the multifarious history of film, from classic genres to documentary and experimental film.

 

La giuria internazionale della sesta edizione del SICILIA QUEER filmfest / 2017, avrà il compito di scegliere il miglior cortometraggio della sezione competitiva Queer Short e il miglior lungometraggio della nuova sezione New Visions, aperto a opere prime e seconde e nuovi sguardi non necessariamente legati a tematiche GLBT.

Immagine-contatto

ARNOLD PASQUIER

GIURIA INTERNAZIONALE
INTERNATIONAL JURY / 2017

Arnold Pasquier (1968) è autore di più di 70 film che si muovono tra la finzione, il documentario e il cinema sperimentale. È regista, produttore radiofonico e attore, e divide il suo tempo tra i suoi progetti, l’insegnamento e le collaborazioni come direttore della fotografia e montatore. A vent’anni si avvicina alla danza contemporanea collaborando (come regista di documentari e danzatore) con diversi coreografi. Nel 1997 partecipa a una residenza d’artista al Fresnoy di Tourcoing dove progetta l’installazione C’est ici que je donne des baisers. Nel 2004 realizza in Brasile il lungometraggio Celui qui aime a raison: questa esperienza dà vita all’interesse per la rappresentazione della città e dell’architettura, che svilupperà in seguito in film come L’Italie(2012), Si c’est une île c’est la Sicile (2013) e Borobudur (2015).

Arnold Pasquier (1968) has created over 70 films, including narrative, documentary, and experimental cinema works. He divides his time among his projects as a director, sound producer, actor, and teacher, as well as working in collaborations as a film editor and director of photography. At the age of twenty, Pasquier became interested in contemporary dance, and worked as both a documentary film director and dancer with several choreographers. In 1997, he was selected for a residency at Fresnoy in Tourcoing, where he created the installation C’est ici que je donne des baisers. In 2004, he made the feature film Celui qui aime a raison in Brazil, an experience that sparked his interest in the representation of architecture and the urban environment, which he would later develop in films such as L’Italie (2012), Si c’est une île c’est la Sicile (2013), and Borobudur (2015).

 

La giuria internazionale della sesta edizione del SICILIA QUEER filmfest / 2017, avrà il compito di scegliere il miglior cortometraggio della sezione competitiva Queer Short e il miglior lungometraggio della nuova sezione New Visions, aperto a opere prime e seconde e nuovi sguardi non necessariamente legati a tematiche GLBT.

Immagine-contatto

JEAN-SÉBASTIEN CHAUVIN

GIURIA INTERNAZIONALE
INTERNATIONAL JURY / 2017

Jean-Sébastien Chauvin è critico cinematografico, insegnante, regista e sceneggiatore. È redattore della prestigiosa rivista dei Cahiers du Cinéma dal 1999 ed attualmente è membro del comitato di redazione. Insegna estetica del montaggio all’Ecole Supérieure d'Etudes Cinématographique di Parigi e dirige un laboratorio di regia all’Università di Saint Denis Paris 8. Nel 2008 realizza il suo primo cortometraggio, Les filles de feu, selezionato alla Semaine de la Critique del Festival di Cannes e in numerosi festival LGBTQI.  Seguiranno Et ils gravirent la montagne nel 2011, La tristesse des androïdes nel 2012 e Les enfants nel 2015. È attualmente impegnato nella regia del primo secondo lungometraggio. Come critico cinematografico, la sua bibliografia comprende innumerevoli monografie scritte a più mani, tra le quali una dedicata al documentarista Chris Maker.

Jean-Sébastien Chauvin is a cinema critic, teacher, director and screenplayer. He has been editor of the prestigious magazine Cahiers du Cinéma since 1999 and is nowadays member of its editorial committee. He teaches aesthetics of the editing at the Ecole Supérieure d'Etudes Cinématographique of Paris and leads a workshop of direction at the University of Saint Denis Paris 8. In 2008 he completed his first short film, Les filles de feu, selected at the Semaine de la Critique of the Cannes Film Festival and in several LGBTQI festivals. It was followed by Et ils gravirent la montagne in 2011, La tristesse des androïdes in 2012 and Les enfants in 2015. At the moment he is working to his first feature film. As a cinema critic, he has wrote for many monography, including one dedicated to the director Chris Maker.

 

La giuria internazionale della sesta edizione del SICILIA QUEER filmfest / 2017, avrà il compito di scegliere il miglior cortometraggio della sezione competitiva Queer Short e il miglior lungometraggio della nuova sezione New Visions, aperto a opere prime e seconde e nuovi sguardi non necessariamente legati a tematiche GLBT.

Immagine-contatto

SILVIA CALDERONI

GIURIA INTERNAZIONALE
INTERNATIONAL JURY / 2017

Silvia Calderoni (1981) muove i primi passi all'interno del mondo teatrale nel 1998, quando partecipa a un laboratorio teatrale di Pietro Babina del Teatrino Clandestino. Negli anni successivi lavora con la coreografa danzatrice Monica Francia e con il regista Cesare Ronconi, del Teatro Valdoca. Da dieci anni collabora con la compagnia Motus per la quale è interprete di molti spettacoli, tra cui il solo MDLSX di cui firma anche la drammaturgia insieme a Daniela Nicolò. È protagonista di The Plot is the Revolution insieme a Judith Malina, storica fondatrice del Living Theatre. Nel 2012 debutta sul grande schermo con il film La Leggenda di Kaspar Hauser, diretto da Davide Manuli, al fianco di Vincent Gallo. Attualmente sta lavorando come attrice sul set di Francesca Comencini e su quello di Roberta Torre. 

Silvia Calderoni (1981) takes the first steps in the theatre world in 1998, when she takes part to a workshop of theatre by Pietro Babina of the Teatro Clandestino. During the following years she works with the dancer choreographer Monica Francia and with the director Cesare Ronconi, of the Valdoca Theatre. She has cooperated with the Motus company which she interpreted many performances for, among them MDLSX which she signs the dramaturgy for too, together with Daniela Nicolò. She is the main character of The Plot is the Revolution together with Judith Malina, historical founder of the Living Theatre.
In 2012 she debuts on the big screen with the film La Leggenda di Kaspar Hauser, directed by Davide Manuli, at the side of Vincent Gallo. At the moment she is working as an actress on Francesca Comencini and on Roberta Torre’s sets.

 

La giuria internazionale della sesta edizione del SICILIA QUEER filmfest / 2017, avrà il compito di scegliere il miglior cortometraggio della sezione competitiva Queer Short e il miglior lungometraggio della nuova sezione New Visions, aperto a opere prime e seconde e nuovi sguardi non necessariamente legati a tematiche GLBT.

Immagine-contatto

SUSANNE SACHSSE

GIURIA INTERNAZIONALE
INTERNATIONAL JURY / 2017

Susanne Sachsse è un’attrice e vive a Berlino.  Ha lavorato nel Berliner Ensemble, insieme a Heiner Müller, Einar Schleef e Robert Wilson. Nel 2001 co-fonda il collettivo d’arte CHEAP. Ha lavorato in ambito teatrale, cinematografico e artistico con Yael Bartana, Bruce LaBruce, Phil Collins, Keren Cytter, Vaginal Davis, Katya Sander, Jamie Stewart e Vegard Vinge & Ida Müller. Ha diretto e interpretato The Magic Flute, an Opera in 6 Steps. Nel 2017 Sachsse è stata attrice principale nei film di Bruce LaBruce Ulrike’s Brain e The Misandrists. A giugno apparirà nella nuova produzione di Yael Bartana,What if Women Ruled the World?. Sempre nel 2017 dirigerà e interpreterà Original Sin, A Live Noir Road Movie Concert, in collaborazione con Jonathan Berger, Phil Collins e Xiu Xiu. Ha ricevuto il Maguey Queer Icon Award al 32° Festival Internazionale del Cinema di Guadalajara.

Susanne Sachsse is an actress living in Berlin. She worked in the Berliner Ensemble with Heiner Müller, Einar Schleef, and Robert Wilson. In 2001, she co-founded the art collective CHEAP. She has worked in theater, film and art contexts with Yael Bartana, Bruce LaBruce, Phil Collins, Keren Cytter, Vaginal Davis, Katya Sander, Jamie Stewart, and Vegard Vinge & Ida Müller. She directed and performed in The Magic Flute, an Opera in 6 Steps. Sachsse played the lead roles in Bruce LaBruce’s movies Ulrike's Brain and The Misandrists (both 2017). In June 2017 she appears in What if Women Ruled the World? - a new production by Yael Bartana. She will direct and perform in Original Sin, A Live Noir Road Movie Concert, a collaboration with Jonathan Berger, Phil Collins, and xiu xiu. At the 32nd Guadalajara International Film Festival, she was the recipient of the Premio Maguey Queer Icon Award.

 

La giuria internazionale della sesta edizione del SICILIA QUEER filmfest / 2017, avrà il compito di scegliere il miglior cortometraggio della sezione competitiva Queer Short e il miglior lungometraggio della nuova sezione New Visions, aperto a opere prime e seconde e nuovi sguardi non necessariamente legati a tematiche GLBT.

giuria 100 autori

Marco Amenta, Carlotta Mastrangelo, Enza Negroni

giuria del coordinamento Palermo Pride

Rosaria Bonanno, Giuseppina Cacciatore, Chiara Calascibetta, Ambra Cannavò, Manuela Casamento, Peter Ciaccio, Daniela Danna, Daniela Di Miceli, Maria Angela Fatta, Marco Ghezzi, Sonia Ghezzi, Giorgio Maone, Fulvia Migliorino, Massimo Milani, Chiara Oliva, Pietro Pitarresi, Daniela Tomasino, Ana Maria Vasile

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.