header-text

29 maggio 2017, 20.30 / Cinema De Seta

panorama queer

MAHJONG

João Pedro Rodrigues, João Rui Guerra da Mata

Portogallo 2013 / 35'

[ITA]

A Varziela, Vila do Conde, la più grande Chinatown del Portogallo, un uomo con un cappello e una pistola si aggira attorno ai capannoni alla ricerca di un magazzino di scarpe andato a fuoco. Tra le strade della grande area industriale l’uomo incrocia una donna e segue il vento del nord per raggiungere il drago rosso, simbolo della tessera del Mahjong. Sullo sfondo due cosche della mafia cinese regolano i conti mentre il vento dell’est spira in direzioni inaspettate e imprevedibili. Un thriller pieno di mistero, una tensione che cresce dentro il percorso di un uomo che si intreccia con l’inatteso esito di una partita di Mahjong.

[ENG]

In Varziela, Vila do Conde, Portugal's largest Chinatown, a man with a hat and a gun wanders around the sheds looking for a burned shoes store. In the streets of the big industrial area, the man crosses a woman and follows the north wind to reach the red dragon, a symbol of Mahjong's card. In the background, two families of the Chinese mafia are fighting while the wind of the east blows in unexpected and unpredictable directions. A thriller full of mystery, a tension growing while the path of a man is intertwining with the unexpected outcome of a Mahjong game.

João Pedro Rodrigues, João Rui Guerra da Mata

[ITA]

João Pedro Rodrigues è nato a Lisbona, in Portogallo. Ha cominciato i suoi studi di ornitologia alla facoltà di Biologia dell’Università di Lisbona, presto abbandonati per frequentare la Escola Superior de Teatro e Cinema dove si è diplomato in cinema. Ha diretto cinque lungometraggi: O Fantasma (2000), Odete (2005), Morrer como um homem (2009), A última vez que vi Macau (2012) - co-diretto con João Rui Guerra da Mata - e O ornitólogo (2016). João Rui Guerra da Mata è nato a Lourenço Marques, Mozambico. Ha insegnato Direzione artistica alla Escola Superior de Teatro e Cinema dal 2004 al 2011. Nel 1997 ha co-diretto il cortometraggio Parabéns!, diretto da João Pedro Rodrigues con il quale hanno vinto la Menzione speciale della giuria alla 54° Mostra del Cinema di Venezia. Ha lavorato per numerosi lungometraggi e cortometraggi come direttore artistico, in particolare per quelli diretti da João Pedro Rodrigues di cui è anche co-sceneggiatore. Questa collaborazione si è evoluta nella co-regia per i corti China China (2007) and Alvorada Vermelha (2011). O que arde cura (2012) è il suo esordio da solo alla regia.

[ENG]

João Pedro Rodrigues was born in Lisbon, Portugal. He first studied Biology at Lisbon University to become an ornithologist but soon gave it up for Cinema Studies and was graduated from Lisbon Film School. He directed five features: O Fantasma (2000), Odete (2005), Morrer como um homem (2009), A última vez que vi Macau (2012) - co-directed with João Rui Guerra da Mata - and O ornitólogo (2016). João Rui Guerra da Mata was born in Lourenço Marques, Mozambique. He teached Art Direction at the Lisbon Film School from 2004 to 2011. In 1997 he co-starred in the short Parabéns!, directed by João Pedro Rodrigues, with which one he won the Special Jury Mention at the 54th Mostra di Venezia. As an Art Director, he worked in several features and shorts, notably the ones directed by João Pedro Rodrigues, whose films he also co-scripted. This collaboration lately evolved to co-direction, namely in the shorts China China (2007) and Alvorada Vermelha (2011). O que arde cura (2012) is his debut solo film.

MAHJONG

João Pedro Rodrigues, João Rui Guerra da Mata

Portogallo 2013 / 35'

screenplay João Pedro Rodrigues, João Rui Guerra da Mata

cinematography José Magro

editing Mariana Gaivão

sound Adrian Santos, Nuno Carvalho

cast Anne Pham, Fernando Vhou, João Pedro Rodrigues, João Rui Guerra da Mata

producer Dario Oliveira - Curtas Metragens C.R.L.

GALLERIE FOTOGRAFICHE

consulta tutte le fotografie

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.