header-text

5 giugno 2019, 20.30 / Cinema De Seta

panorama queer

Plaire, aimer et courir vite

Christophe Honoré

Francia 2018 / 132’ / v.o. sott. it

[ITA]

Parigi 1993, in piena esplosione della crisi dell’AIDS in Europa: Jacques, scrittore gay trentaseienne amante degli incontri sessuali senza strascichi, è padre di un bambino. Afflitto dal virus dell’AIDS, teme che non gli resti molto da vivere. Mentre inizia un rapporto con Arthur, studente dagli alti ideali che, come lui, non disdegna incontri sia con uomini che con donne, flirta saltuariamente con lo sfuggente Jean-Marie e, quando non ha la custodia del figlio, trascorre il tempo con il suo migliore amico Mathieu, che si suppone segretamente innamorato di lui.

Undicesimo lungometraggio per il cineasta, scrittore e autore teatrale francese che, fedele alla sua peculiare capacità di narrare l’intimità in ogni sua forma, non rinuncia alla nota franchezza nell’esplorare la mai scontata sessualità dei suoi personaggi mantenendo in primo piano temi come amicizia e amore.

[ENG]

Paris 1993, in the midst of the AIDS crisis in Europe: Jacques, a 36-year-old gay writer who loves sexual encounters no strings attached, is the father of a child. Affected by AIDS, he fears that not much remains for him to live. While starting a relationship with Arthur - a student with high ideals who, like him, does not disdain encounters with both men and women – Jacques flirts occasionally with the elusive Jean-Marie and, when he has no custody of his son, spends time with his best friend Mathieu, who is supposedly secretly in love with him.

Eleventh feature film for the French filmmaker, writer and dramatist who, faithful to his peculiar ability to narrate intimacy in all its forms, does not renounce to his known frankness in exploring the never predictable sexuality of his characters, keeping themes such as friendship and love in the foreground.

Christophe Honoré

[ITA]

Cineasta, autore teatrale, scrittore, nasce in Bretagna nel 1970. Nel 1995 si trasferisce a Parigi, dove scrive per diverse riviste, tra cui i Cahiers du Cinéma. Nel 2001 dirige il suo primo cortometraggio Nous deux cui seguirà l’anno successivo il lungometraggio 17 fois Cécile Cassard, selezionato a Cannes nella sezione Un Certain Regard. Nel 2002 dirige il film per la TV Tout contro Léo, tratto dal suo romanzo omonimo del 1996. Nel 2004, firma con Gaël Morel la sceneggiatura di Le Clan e nel 2007 quella di Après lui, entrambi diretti da quest’ultimo. Intanto, sempre nel 2004, realizza il suo secondo lungometraggio per il cinema, Ma mère, ma è con Dans Paris (2006) e Les chansons d’amour (2007) che suscita attenzione a livello internazionale. I film rappresentano un omaggio al cinema della Nouvelle vague e rivelano un autore originale. Nel 2008 si dedica nuovamente, dopo Ma mère, alla trasposizione di un classico della letteratura: La belle personne. Nel 2009 dirige Non ma fille, tu n’iras pas danser cui segue, l’anno successivo, Homme au bain, presentato al Festival del film di Locarno. Dopo Les bien-aimés, primo passo falso in una carriera in discesa, realizza Métamorphoses, cui fanno seguito Les malheurs de Sophie (2016) e Plaire, aimer et courir vite (2018). Ha pubblicato anche tre romanzi destinati a lettori adulti: L’infamille (1997), La douceur (1999), Le livre pour enfants (2005).

[ENG]

Filmmaker, playwright and author, he was born in Brittany in 1970. In 1995 he moves to Paris, where he writes for several magazines, including the Cahiers du Cinéma. His first novel, published in 1996, Tout contre Léo, will be adapted and directed for television by himself in 2002. In 2001 he directs his first short film Nous deux followed by the feature film 17 fois Cécile Cassard, selected at Cannes Festival in the Un Certain Regard section. In 2004, he co-writes with Gaël Morel the screenplays for Le Clan and in 2007 for Après lui, both directed by the latter. Meanwhile, he directs and writes his second feature film, Ma mère, but it is with Dans Paris (2006) and Les chansons d’amour (2007) that obtains international attention. The films represent a tribute to the Nouvelle vague cinema and they reveal an original filmmaker. In 2008 he dedicates himself again, after Ma mère, to the transposition of a classic of literature: La belle personne. In 2009, he directs Non ma fille, tu n’iras pas danser, followed by Homme au bain, which was presented at the Locarno Film Festival. After Les bien-aimés, the first misstep in a promising career, he directs Métamorphoses, followed by Les malheurs de Sophie (2016) and Sorry Angel (2018). He has also published three novels for adult readers: L’infamille (1997), La douceur (1999), Le livre pour enfants (2005).

Plaire, aimer et courir vite

Christophe Honoré

Francia 2018 / 132’ / v.o. sott. it

screenplay Christophe Honoré

cinematography Rémy Chevrin

editing Chantal Hymans

sound Cyril Holtz, Guillaume Le Braz, Agnès Ravez

cast Vincent Lacoste, Pierre Deladonchamps, Denis Podalydès, Adèle Wismes, Thomas Gonzales, Clément Métayer, Quentin Thébault,  Rio Vega, Tristan Farge, Sophie Letourneur, Marlène Saldana, Luca Malinowski, Loïc Mobihan 

producer Philippe Martin, David Thion

contact MK2 Films

GALLERIE FOTOGRAFICHE

consulta tutte le fotografie

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.