header-text

31 maggio 2019, 18.30 / Sala Wenders / Goethe-Institut Palermo

presenze

Alan Vega: Just a Million Dreams

Marie Losier

Francia-USA 2014 / 13’ / v.o. sott. it.

[ITA]

Com’era la vita del cantante e artista Alan Vega (Suicide, The Sisterhood)? La risposta è data in questo film attraverso un ritratto familiare. Dalle lezioni di sassofono del figlio Dante al bucato con la moglie Lize Lamere, per non parlare della preparazione dell’albero di Natale, tutto fornisce il pretesto per una serie di giochi senza fine. La vita quotidiana sembra dovere essere sempre reinventata, come se la routine fosse destinata a essere sovvertita. “La vita stessa è rivoluzionaria”, dice Alan Vega mentre cammina di notte per le strade di New York coperte di neve. Di sicuro la sua vita era cosi, e Marie Losier riesce ad entrare con grande tenerezza e intimità nella vita della famiglia Vega-Lamere, con cui condivide momenti di sincera complicità.

[ENG]

How was the life of singer and artist Alan Vega (Suicide, The Sisterhood)? The answer is provided in this film through a family portrait. From the saxophone lessons of Vega’s son Dante to the laundry with his wife Lize Lamere, to say nothing about decorating the Christmas tree, everything serves as pretext for a series of endless games. Daily life seems to have to be reinvented all the time, as if the routine was doomed to be subverted. “Life itself is revolutionary”, says Alan Vega while walking in the snow-covered New York streets. No doubts his life was so. Marie Losier manages to capture scenes from the Vega-Lamere family life with tenderness and intimacy, sharing with them true moments of complicity.

Marie Losier

[ITA]

Nata nel 1972, ha studiato letteratura a Parigi e belle arti a New York, dove ha conosciuto le figure più importanti della scena underground. Definita da Nicole Brenez come “una bambina scappata della scena delle piume di Zero in condotta” di Jean Vigo, ha prodotto un corpus di opere che documentano la vita quotidiana di artisti d’avanguardia in un modo onirico e poetico. I suoi cortometraggi sono ritratti documentari dei suoi amici registi, musicisti e compositori quali Alan Vega, Jonas Mekas, Peaches, George Kuchar, Guy Maddin, Richard Foreman, Tony Conrad e Genesis P-Orridge. Il suo primo lungometraggio, The Ballad of Genesis and Lady Jaye ha vinto una decina di premi, mentre il suo secondo Cassandro, the Exotico! è stato proiettato al Festival di Cannes. I suoi film sono sovente proiettati in musei come la Tate Modern (Londra), il Moma (NYC), il Centro Pompidou (Parigi) e il Whitney Museum (NYC).

[ENG]

Born in 1972, she has studied literature in Paris and fine arts in New York, where she met most important figures from the underground scene. Described by Nicole Brenez as “a child escaped from the feathers scene in Zero for Conduct” by Jean Vigo, she is the author of works that document the daily life of avantgarde artists in a dream-like and poetic way. Her short films are portraits of her director, musician and composer friends, such as Alan Vega, Jonas Mekas, Peaches, George Kuchar, Guy Maddin, Richard Foreman, Tony Conrad and Genesis P-Orridge. Her first feature film The Ballad of Genesis and Lady Jaye has been awarded a dozen of prices, while her second feature Cassandro, the Exotico! has been shown at the Cannes Film Festival. Her films are regularly presented in such museums as the Tate Modern (London), the Moma (NYC), the Pompidou Center (Paris) and the Whitney Museum (NYC).

Alan Vega: Just a Million Dreams

Marie Losier

Francia-USA 2014 / 13’ / v.o. sott. it.

cast Liz Lamere, Alan Vega, Dante Vega

producer Tamara Films, Polyester, Marie Losier

GALLERIE FOTOGRAFICHE

consulta tutte le fotografie

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.