header-text

31 maggio 2019, 18.30 / Sala Wenders / Goethe-Institut Palermo

presenze

The Ontological Cowboy

Marie Losier

USA 2005 / 16’ / v.o. sott. it.

[ITA]

“Nel teatro si tratta sempre di sesso”, dichiara il regista teatrale Richard Foreman, fondatore dell’Ontological-Hysteric Theater, che reinventava il teatro americano negli anni Sessanta. Mentre lavora a una produzione teatrale, approfondisce la sua concezione del teatro come atto profondamente erotico, spiegando che, quando era giovane, gli attori non gli piacevano, perché la loro sola presenza in scena gli sembrava un’ingiunzione ad amarli. Un’affascinante immersione nel pensiero di Foreman, per il quale il teatro è un modo di esplorare la natura desiderante dell’essere umano. Marie Losier riesce a catturare l’energia vitale all’origini di una delle operi teatrali più originali degli ultimi cinquant’anni.

[ENG]

“Theater is about sex”, states the theater director Richard Foreman, founder of the Ontological-Hysteric Theater, who reinvented American theater in the sixties. While working on a theater production, he elaborates on his conception of theater as a deeply erotic act. For instance, he explains that he did not like actors when he was young, because their very presence on stage came across to him as an injunction to love them. A fascinating immersion into Foreman’s thought, according to which theater is a way to explore the hidden desires of human soul. Marie Losier manages to capture the vital energy at the heart of one of the most original theater work of the last fifty years.

Marie Losier

[ITA]

Nata nel 1972, ha studiato letteratura a Parigi e belle arti a New York, dove ha conosciuto le figure più importanti della scena underground. Definita da Nicole Brenez come “una bambina scappata della scena delle piume di Zero in condotta” di Jean Vigo, ha prodotto un corpus di opere che documentano la vita quotidiana di artisti d’avanguardia in un modo onirico e poetico. I suoi cortometraggi sono ritratti documentari dei suoi amici registi, musicisti e compositori quali Alan Vega, Jonas Mekas, Peaches, George Kuchar, Guy Maddin, Richard Foreman, Tony Conrad e Genesis P-Orridge. Il suo primo lungometraggio, The Ballad of Genesis and Lady Jaye ha vinto una decina di premi, mentre il suo secondo Cassandro, the Exotico! è stato proiettato al Festival di Cannes. I suoi film sono sovente proiettati in musei come la Tate Modern (Londra), il Moma (NYC), il Centro Pompidou (Parigi) e il Whitney Museum (NYC).

[ENG]

Born in 1972, she has studied literature in Paris and fine arts in New York, where she met most important figures from the underground scene. Described by Nicole Brenez as “a child escaped from the feathers scene in Zero for Conduct” by Jean Vigo, she is the author of works that document the daily life of avantgarde artists in a dream-like and poetic way. Her short films are portraits of her director, musician and composer friends, such as Alan Vega, Jonas Mekas, Peaches, George Kuchar, Guy Maddin, Richard Foreman, Tony Conrad and Genesis P-Orridge. Her first feature film The Ballad of Genesis and Lady Jaye has been awarded a dozen of prices, while her second feature Cassandro, the Exotico! has been shown at the Cannes Film Festival. Her films are regularly presented in such museums as the Tate Modern (London), the Moma (NYC), the Pompidou Center (Paris) and the Whitney Museum (NYC).

The Ontological Cowboy

Marie Losier

USA 2005 / 16’ / v.o. sott. it.

cast Richard Foreman, Juliana Francis, Tom Ryder Smith, JaySmith

GALLERIE FOTOGRAFICHE

consulta tutte le fotografie

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.