header-text

5 giugno 2021, 18.00 / Cinema De Seta

panorama queer

Zombi Child

Bertrand Bonello

Francia 2019 / 103’ / v.o. sott. it.

in collaborazione con IFcinéma

[ita]

 

Nel prestigioso pensionato della Légion d’honneur, vicino a Parigi, Fanny fa amicizia con una nuova allieva, Melissa, giovane haitiana arrivata in Francia dopo il terremoto del 2010. Fanny e le sue amiche accettano Melissa nella loro confraternita segreta; in cambio, Melissa rivela loro alcuni misteri del voodoo, ricollegando la sua storia familiare con quella di un antenato zombi. Sovvertendo i luoghi comuni dell'horror, Zombi Child imbastisce un racconto carnale e misterioso attraverso cui veicolare una dolente allegoria politica.


[eng]

 

In the prestigious boarding house of the Légion d’honneur, near Paris, Fanny makes friends with a new student, Melissa, a young Haitian who arrived in France after the 2010 earthquake. Fanny and her friends accept Melissa into their secret guild; in return, Melissa reveals to them some mysteries of voodoo, linking her family history with that of a zombie ancestor. Subverting the clichés of horror, Zombi Child sets up a carnal and mysterious tale through which to convey a painful political allegory.

Bertrand Bonello

[ita]

 

Nato nel 1969, vive tra Parigi e Montréal. Arrivato al cinema tramite la musica, il suo primo lungometraggio, Quelque chose d’organique (1998) è stato presentato nella sezione Panorama del Festival di Berlino. Le pornographe (2001) è stato selezionato per la Semaine de la critique di Cannes e ha vinto il premio FIPRESCI. Bonello impone la sua voce singolare e il suo mondo con Tiresia (2003), in competizione al Festival di Cannes. Nel 2005 ritorna a Cannes con un corto, Cindy, the Doll is Mine. Continua producendo musica e, nel 2007, esce My New Picture: un album nato per accompagnare un film presentato al Festival di Locarno. Nel 2008, De la guerre, è stato selezionato per la Quinzaine des réalisateurs e nel 2011 L’Apollonide è ancora una volta in concorso a Cannes. Nel 2014 realizza il biopic Saint Laurent, seguito, nel 2016, da Nocturama.

 

[eng]

 

Born in 1968, he lives between Paris and Montréal. He came to cinema through music. His first feature film, Something Organic (1998), was presented at the Berlin Festival (Panorama). The Pornographer (2001) was selected for the International Critics’ Week at Cannes and won the FIPRESCI prize. Bertrand Bonello imposes his singular voice and world with Tiresia (2003), in Competition at the Festival de Cannes. In 2005 he returns to Cannes with a short, Cindy, the Doll is Mine. He continues making music and, in 2007, releases My New Picture: an album to accompany a film presented at the Locarno Festival. In 2008, On War was selected for the Directors’ Fortnight and in 2011 House of Tolerance participates to the official competition in Cannes. In 2014 he directed the biopic Saint Laurent, followed, in 2016, by Nocturama.

Zombi Child

Bertrand Bonello

Francia 2019 / 103’ / v.o. sott. it.

screenplay Bertrand Bonello

cinematography Yves Cape

editing Anita Roth

music Bertrand Bonello

sound Nicolas Cantin, Nicolas Moreau, Jean-Pierre Laforce

cast Katiana Milfort, Louise Labêque, Mackenson Bijou, Mathilde Riu, Ninon François, Wislanda Louimat

GALLERIE FOTOGRAFICHE

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.