header-text

#SQ17 / Presenze: il cinema di Gabriel Abrantes / Queer Short, prima sessione e altre sorprendenti anteprime

Comunicato stampa | 26 maggio 2017

Ancora protagonista del festival il cinema di Gabriel Abrantes con la prima antologica europea. Continuano le proiezioni del concorso Nuove Visioni e partono oggi i corti di Queer Short. Tra anteprime e approfondimenti spazio anche al cinema d’animazione del festival ospite Animaphix.

 

La quarta giornata del Sicilia Queer Filmfest 2017, sabato 27 maggio, comincia con i matinée dei film in concorso di Nuove Visioni, al Cinema Rouge et Noir: alle 10.00 sarà proposto Disco Limbo di Fredo Landaveri e Mariano Toledo (Argentina 2016), uno stravagante pastiche cinematografico dal ritmo incalzante, un viaggio delirante dal gusto pop-trash che, con audacia, indaga tematiche delicate attraverso l’utilizzo di nuovi linguaggi e un’estetica presa in prestito dai videoclip; alle 12.00 è in programma Brüder der Nacht di Patric Chiha (Austria 2016) che, con evidente riferimento a Querelle di Fassbinder, dipinge il ritratto della Vienna oscura e un po’ nascosta dei locali gay, dove un gruppo di ragazzi provenienti dall’Europa dell’Est organizza il proprio business seducendo gli anziani avventori per mantenere le proprie famiglie rimaste nel paese di origine; seguirà, alle 14.00, la replica di  Los Objectos Amorosos di Adrián Silvestre (Spagna 2016), che racconta la storia di Luz, giovane donna colombiana che decide di emigrare in Italia in cerca di fortuna.

L’attività pomeridiana nella Sala De Seta dei Cantieri Culturali alla Zisa comincerà alle 16.00 con la seconda tranche dell’omaggio a Gabriel Abrantes. Il programma prevede Anarchist King (2006), storia di due ragazzi che si muovono ai confini di una New York apocalittica, reinterpretando vecchie opere teatrali e rievocando miti ormai defunti del passato; il dittico Olympia I & II (2006), realizzato insieme a Katie Widloski, che rielabora il celebre dipinto di Manet come uno psicodramma scandalistico: nella prima parte una prostituta e suo fratello lottano contro i loro desideri incestuosi, nella seconda una prostituta sopporta la solitudine di una notte priva di lavoro; Visionary Iraq (2008), girato con Benjamin Crotty, è un pastiche ludico nel quale due incestuosi fratelli discutono di temi brucianti come la famiglia, la guerra, il sesso, l’inedia adolescenziale e molto altro; Too Many Daddies, Mommies and Babies (2009) è una parodia pop e strappalacrime nella quale due eco-attivisti rinunciano all’idea di salvare l’Amazzonia nel tentativo di farsi una famiglia; in Palacios de pena (2011), realizzato con Daniel Schmidt, generi cinematografici ed epoche storiche si mischiano per raccontare la storia di due sorelle alle prese con una ingombrante eredità.

Alle 18.30 si aprirà la prima sessione del concorso internazionale di cortometraggi su tematiche LGBT, con opere di Benjamin Crotty e Bertrand Dezoteux (Francia), Jeff Schlags (USA), Natalie Alvarez (Svezia), Yann Gonzalez (Francia), Hajni Kis (Ungheria), Charles Lum e Todd Verrow (USA), Arthur Cahn (Francia), Rocío Llambí e Mariana Winarz (Uruguay).
In sala la giuria presieduta dal regista portoghese João Pedro Rodrigues e composta dall’attrice Silvia Calderoni, dai francesi Jean-Sébastien Chauvin (critico, insegnante e regista) e Arnold Pasquier (regista) e dall’attrice tedesca Susanne Sachsse.

Il programma serale al De Seta comincierà alle 20.30 con O Ornitólogo (2016) del portoghese João Pedro Rodrigues, che sarà presente in sala: un film sulla condizione umana, sull’effimero confine tra bestialità e civiltà, sul rapporto tra uomini e animali, un ribaltamento di sguardo che priva l’uomo della presuntuosa e presunta centralità di cui si investe rispetto al mondo. Il protagonista, Fernando, è un giovane ornitologo che vaga per le foreste portoghesi in cerca di uccelli da osservare e studiare. Distratto da un volatile, perde il controllo della propria canoa e si ritrova tra le rapide del fiume. Grazie all’intervento di due giovani pellegrine cinesi, in cammino verso Santiago De Compostela, riuscirà a salvarsi e a cominciare uno strano viaggio all’interno della foresta.

Alle 22.30 sarà la volta di Disco Limbo (2016) degli argentini Fredo Landaveri e Mariano Toledo. Ambientato in un inquietante presente in cui la tecnologia è prepotentemente entrata nel quotidiano attraverso la realtà virtuale, il film è un pastiche cinematografico dal ritmo incalzante, un viaggio delirante dal gusto pop-trash che, con audacia, indaga tematiche delicate attraverso l’utilizzo di nuovi linguaggi e un’estetica presa in prestito dai videoclip.

A seguire, sarà proposto A ton âge le chagrin c’est vite passé di Alexis Langlois, una divertente e ispirata commedia musicale che tra balli, musica, colori e ironia racconta i primi dolori della giovane Billie con un tocco leggero e un’evidente presa in prestito di un décor anni ’80.

Infine, dalle 22.30, nella Sala Bianca del Centro Sperimentale di Cinematografia (ai Cantieri), sarà possibile assistere ad una selezione di cortometraggi internazionali di animazione introdotti da Rosalba Colla, direttrice artistica di Animaphix Queer Animation.

Tra le altre attività del Sicilia Queer di sabato, alle 18.30 nello Spazio Bookshop dei Cantieri Mirko Lino dialogherà con Karl Schoonover e Rosalind Galt, autori del libro Queer Cinema in the World, mentre a Palazzo Sant’Elia sarà possibile visitare la mostra Franko B - Love Letters a cura di Antonio Leone e Paola Nicita, una personale dedicata al poliedrico artista e performer milanese che vive a Londra da diversi anni.

In omaggio alla nomina di “Palermo Capitale dei Giovani 2017”, per tutto il festival i biglietti di ingresso per gli studenti costeranno solo 3 euro.

DOWNLOAD

cartella generale
(manifesti, programma, film ecc.)
le sezioni
(materiali fotografici ad alta risoluzione dei singoli film)
Day-by-Day
(il fotoracconto del festival)

Il Sicilia Queer filmfest è realizzato grazie al contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Direzione Generale per il Cinema; della Regione Siciliana – Assessorato Turismo Sport e Spettacolo – Ufficio Speciale per il Cinema e l'Audiovisivo/Sicilia FilmCommission, nell'ambito del progetto Sensi Contemporanei”; del Comune di Palermo, Assessorato alla Cultura; di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori. E con il sostegno dell'Institut français Palermo, del Goethe-Institut Palermo, dell’Instituto Cervantes Palermo e del Forum Austriaco di Cultura.

SICILIA QUEER 2017
INTERNATIONAL
NEW VISIONS
FILMFEST

seventh edition
PALERMO MAY 24 –  JUNE 1
www.siciliaqueerfilmfest.it

Ufficio Stampa
Giovannella Brancato
+ 39 340 8334979
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ada Tullo
+39 3492674900
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.