header-text

SHE MIRROR / “explicit content!” per il trailer di Yann Gonzalez

Il trailer con cui lanciamo la nona edizione del Sicilia Queer filmfest ha già fatto “scandalo”: l’opera realizzata dai registi  Yann Gonzalez e Alain José Garcia Vergara, è subito incappata nella peggiore delle censure, quella automatica, praticata da algoritmi puritani che non sanno distinguere tra...

Per fortuna che c’è Vimeo.

#link https://vimeo.com/337463937 

Una donna, predatrice felina, sembra attratta dalla telecamera. La sua corsa è interrotta da interferenze che si appropriano della scena, costruendo e restituendoci un’idea di femminilità dal potere sessuale incontenibile. Tra suggestioni catodiche e sovrapposizioni fantasmatiche, She Mirror forma un collage di immagini prese in prestito dal porno di culto degli anni ’90 per trasportarci dentro un sogno di lussuria e femminilità. Il found footage diventa pure espressione linguistica dai caratteri queer.

Yann Gonzalez nato nel 1977, è stato critico cinematografico per le riviste «Max», «Têtu» e «Chronic’Art». Ha collaborato con il gruppo di musica elettronica M83 del fratello Anthony. Il suo primo cortometraggio, By the Kiss (2006), è stato selezionato in diversi festival internazionali, compresa la Quinzaine des Réalisateurs del 2006. Successivamente, ha diretto anche altri cortometraggi, tra cui Entracte (2007) e Land of My Dreams (2012). Il suo primo lungometraggio, Les rencontres d’après minuit (2013), è stato presentato alla Semaine de la Critique a Cannes. Il suo secondo lungometraggio, Un couteau dans le cœur, ha chiuso l’ottava edizione del Sicilia Queer filmfest.

Alain José Garcia Vergara di Città del Messico nel 1989, vive a Parigi dal 2010. Ha realizzato lavori a cavallo tra videoinstallazione, scultura e film.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.