Concorso Internazionale di lungometraggi Sono 8 i lungometraggi che concorrono al Premio Nuove Visioni che verrà assegnato dalla giuria internazionale composta da Luciano Barisone (critico cinematografico) Alizé Pepper (scrittrice e artista) Carlos Conceição (regista) Patric Chiha (regista, vincitore Nuove Visioni 2017) Eleonora Danco (regista, performer e attrice). Il Concorso internazionale di lungometraggi di finzione e documentari alla sua terza edizione è una sezione competitiva dedicata a opere prime e seconde che propone al suo interno nuovi autori e nuovi sguardi del cinema contemporaneo, film innovativi sotto diversi punti di vista, non necessariamente legati a tematiche queer.  

I FILM

ABU
Arshad Khan / Canada 2017 / 80' / v.o.sott. it. - sarà presente il regista
Un viaggio al centro di una famiglia che si divide, quando si confronta con questioni come la religione, la sessualità, il colonialismo e la migrazione. Attraverso linee narrative diverse, composte da filmini e fotografie di famiglia, film della Bollywood classica e altri materiali, il regista costruisce il racconto della propria identità omosessuale rivendicata, conducendo gli spettatori dentro le relazioni tese che intercorrono fra la famiglia e il destino, il conservatorismo e il liberalismo, la modernità e i valori del passato.

A DISCRÉTION
Cédric Venail / Francia 2017 / 50' / anteprima nazionale - sarà presente il regista
À discrétion ci mostra l’incontro e il dialogo tra un anziano signore e uno sceneggiatore, interessato a scrivere su una peculiare abitudine passata del signore: in un luogo segreto, una sala buia che si affacciava su un finto specchio che mostrava il mondo al di fuori di essa, un gruppo di sconosciuti, signore compreso, si sono incontrati per anni, spiando le abitudini e i minimi gesti dei passanti. Il piacere dello sguardo, quando viene lasciato libero di osservare qualcuno nella sua totale spontaneità, diviene il fulcro del dialogo tra i due.

AS BOAS MANEIRAS
Marco Dutra e Juliana Rojas / Brasile-Francia 2017 / 135' / v.o. sott. it.
Clara è un’infermiera che viene assunta da Ana, giovane donna dell’alta borghesia brasiliana allontanata dalla famiglia a causa di una gravidanza inattesa. Ma le apparenze di una narrazione convenzionale saranno presto disattese in questo film articolato e spiazzante. Le tematiche horror e di genere si legano a un’indagine su ciò che sembra ma non è, sulle classi sociali del Brasile contemporaneo, sulla dimensione affettiva con le sue luci e le sue ombre fino ad abbandonarsi a una riflessione sul cinema e sul suo carattere fortemente evocativo.

BLUE MY MIND
Lisa Brühlmann / Svizzera 2017 / 97' / v.o.sott. it.
Mia è una giovane quindicenne appena trasferita con la famiglia in una piccola cittadina vicino Zurigo. Come per qualsiasi adolescente, il periodo di ambientamento nella nuova scuola è sempre un po’ difficile e sofferto. Mia però riuscirà a farsi accettare all’interno di un gruppo di ragazzine disinibite seguendole e imitandole nel loro atteggiamento ribelle. Blue my mind, lungometraggio d’esordio della regista svizzera Lisa Brühlmann, è un film audace, capace di spiazzare il pubblico mescolando un’apparente narrazione da film sull’adolescenza con un racconto dai forti connotati fantasy e horror, un film che ragiona sul cinema e sulle potenzialità dei generi cinematografici.

LES GARÇONS SAUVAGES
Bertrand Mandico / Francia 2017 / 110' / v.o.sott. it.
Primi del ‘900, Île de la Réunion, un gruppo di cinque adolescenti commette un efferato crimine, violentando e uccidendo brutalmente una donna. Il processo che ne segue affiderà a un bizzarro capitano di nave la rieducazione dei cinque galeotti forzatamente costretti a un’avventurosa traversata oceanica per raggiungere l’isola del Piacere. Una miscela tra la tradizione del romanzo d’avventura ottocentesco con le suggestioni del cinema di Jean Vigo, di Jean Genet, con il cromatismo del Querelle di Fassbinder, un gioco di citazioni più o meno esplicito che restituisce, grazie anche all’artigianalità nella realizzazione degli effetti speciali, una dichiarazione d’amore nei confronti della settima arte.

OCCIDENTAL
Neïl Beloufa / Francia 2017 / 73' / v.o. sott. it.
Una commedia degli equivoci ambientata in una Parigi in subbuglio. Due strani personaggi entrano nel surreale microcosmo dell’Hotel Occidental, facendo finta di essere italiani e provocando una serie di incomprensioni e buffi misunderstanding. Neïl Beloufa gioca con le differenze culturali per dar vita a una commedia sopra le righe, seduttiva e intrigante.

EL SILENCIO ES UN CUERPO QUE CAE
Agustina Comedi / Argentina 2017 / 72' / v.o. sott. it. / anteprima nazionale
Agustina trova delle videocassette che suo padre Jaime ha registrato prima dell'incidente che gli ha tolto la vita. I segreti di famiglia che circondano Jaime spingono Agustina a farsi coinvolgere. La sua ricerca rivelerà una storia segnata dall'omosessualità e dall'attivismo politico di Jaime, completamente alla luce del sole fino a quando si è sposato all'età di 40 anni, e poi tenuto in segreto assoluto.

TEAM HURRICANE
Annika Berg / Danimarca 2017 / 96' / v.o. sott. it.
Otto ragazze adolescenti durante un’estate scoprono il bisogno dell’una per l’altra nell’affrontare il caos che l’adolescenza porta con sé. Nel mettere in scena un gruppo di teenager radicali in un mondo ordinario, questo film punk tutto al femminile fonde materiale documentario con elementi molto stilizzati di finzione. Team Hurricane ritrae in modo estremamente onesto e naturale che cosa significa l’essere adolescenti con tutta la gioia, le difficoltà, i crolli e l’eccitamento che ciò porta con sé, in un mondo che finalmente permette loro di esplorare appieno la propria identità ben al di là dei ruoli binari di genere.

sq18_BOX-1