header-text

27 maggio 2015, 18.30 / Cinema De Seta

panorama queer

E agora? Lembra-me

Joaquim Pinto

Portogallo 2013 / 164’ / v.o. sott. it.

Personale diario di un anno "in viaggio" per combattere HIV ed epatite C. Attraverso una narrazione visiva del suo quotidiano il regista mostra le sue reazioni alla malattia utilizzando solamente lo scarno filtro della drammaturgia filmica, nulla insomma che possa mediare l’autenticità di queste confessioni personali. Lo fa registrando tutto ciò che lo circonda, discutendo di tempo e memoria, di globalizzazione e natura ripensando ai suoi amici scomparsi (João César Monteiro, Raúl Ruiz, Serge Daney tra gli altri) e al ruolo avuto da essi nella sua vita e nel panorama artistico internazionale. Non mancano riflessioni sull’arte, la letteratura, la musica, e il cinema. Un’opera piena di vita e di passione con uno sguardo intriso di un sentimento religioso che oltrepassa ogni stretta visione dottrinale e dogmatica.

Journal of an year-long “journey” to fight HIV and hepatitis C. Through a visual narration of his daily routine, the director shows his reactions to the disease  using nothing but the minimal filter of filmed dramaturgy, so that there is nothing mediating the authenticity of his personal confessions. He does so recording everything that surrounds him, discussing about time and memory, globalization and nature, remembering his friends who passed away (João César Monteiro, Raúl Ruiz, Serge Daney among others) and their role in his life and in the international artistic panorama. Reflections about art, literature, music and cinema are abundant. A work full of life and passion with a look deep with  religious feeling crossing all strict doctrinal and dogmatic vision.

 

Joaquim Pinto

Nato nel 1957 a Porto, ha lavorato come fonico in più di 100 film nei quali ha lavorato con registi come, tra gli altri, Manoel de Oliveira, Raul Ruiz, Werner Schroeter e AndréTechine. Tra il 1987 e il 1996 ha prodotto all'incirca 30 film, come Recordações da casa amarela(1989) e A Comédia de Deus (1995) di João César Monteiro, entrambi premiati al Festival del Cinema di Venezia. Ha realizzato due lungometraggi di finzione, Uma pedra no bolso (1988) e Onde bate o sol (1989), entrambi selezionati al Festival di Berlino. Tra i suoi ultimi lavori Para cá dos montes (2009), O Novo Testamento De Jesus Cristo Segundo João (2013) e Rabo de peixe (2015), diretto insieme al suo compagno Nuno Leonel, con cui ha anche fondato la casa editrice PRESENTE.

Born in Porto in 1957, he has been sound mixer for more than 100 films, he has worked with such directors as Manoel de Oliveira, Raul Ruiz, Werner Schroeter and André Techiné among others. Between 1987 and 1996 he produced around 30 films, such as Recordações da casa amarela(1989) and A Comédia de Deus (1995) by João César Monteiro, both awarded at the Venice Film Festival. Joaquim Pinto’s feature films Uma pedra no bolso (1988) and Onde bate o sol (1989) were presented at the Official Selection of the Berlinale – International Film Festival. Among his latest works Para cá dos montes (2009), O Novo Testamento De Jesus Cristo Segundo João (2013) and Rabo de peixe (2015), co-directed with his partner Nuno Leonel, with whom he has also founded the publishing company PRESENTE.

E agora? Lembra-me

Joaquim Pinto

Portogallo 2013 / 164’ / v.o. sott. it.

cinematography Joaquim Pinto, Nuno Leonel

editing Joaquim Pinto, Nuno Leonel

sound Joaquim Pinto, Nuno Leonel

cast Joaquim Pinto, Nuno Leonel

producer Joana Ferreira, Isabel Machado, Christine Reeh

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.