header-text

3 giugno 2021, 15.30 / Cinema De Seta

presenze

O Inferno

Carlos Conceição

Portogallo 2011 / 20’ / v.o. sott. it. - eng.

[ita]

In una villa moderna, un giovane è incaricato di mantenere pulita la piscina. Le sue relazioni con gli altri abitanti della villa – la babysitter, la cameriera, il figlio del padrone di casa – sono piuttosto compromettenti. L’inferno si configura come l’indiscernibilità tra passione e perversione, in bilico tra polimorfia del desiderio e immaginazione perturbante... ma la “Legge della Famiglia” proverà a rimettere insieme i cocci.
Provocazione, suspense e cliché visivi sono al centro di questo secondo cortometraggio di Carlos Conceição, che gioca con gli stereotipi del cinema porno ma anche di quello mainstream.

[eng]

In a modern house, a young man is in charge of keeping the pool clean. His relations with the other inhabitants of the house – the babysitter, the maid, the landlord’s son – are rather compromising.
Hell as the indiscernibility between passion and perversion, poised between the polymorphy of desire and a perturbing imagination... but the Law of the Family” will try to put the pieces back together.
Provocation, suspense and visual clichés are at the center of Conceição’s second short film, which puts stereotypes of porn as well as mainstream cinema at play.

Carlos Conceição

[ita]

Nato in Angola durante la Guerra Fredda, ha vissuto tra il deserto del sud e il Portogallo fino a quando non si è iscritto alla Scuola di Cinema di Lisbona nel 2002. In precedenza si era laureato in Letteratura inglese del Romanticismo. Il suo primo cortometraggio, Carne, ha vinto il premio come Miglior Nuovo Talento all’Indie Lisboa nel 2010, mentre Versailles (2013) è stato presentato in anteprima al Festival di Locarno e Coelho Mau (2017) ha segnato il suo ritorno alla Semaine de la Critique di Cannes tre anni dopo il suo ingresso in competizione con Boa Noite Cinderela. Retrospettive complete dei suoi lavori hanno avuto luogo alla Cinémathèque di Parigi e all’Amiens Film Festival. Il suo lungometraggio Flores para Godzilla – un surreale road movie adolescenziale su amanti dannati, piscine e foreste pietrificate – è in fase di missaggio audio, e sta lavorando a un nuovo progetto intitolato Besta: un biopic allegorico sull’asinello della natività che trae spunto da Lucio Apuleio, Robert Louis Stevenson e Robert Bresson. Nel 2019 Serpentario è stato presentato alla 69esima edizione della Berlinale nella sezione Forum.

  

[eng]

Born in Angola during the Cold War, he lived between the southern desert and Portugal until he went to Lisbon’s Film School in Lisbon in 2002. He had previously majored in English Literature of the Romanticism. His first short film The Flesh was awarded Best New Talent at Indie Lisboa in 2010, while Versailles (2013) premiered at the Locarno Film Festival and Bad Bunny (2017) marked his return to the Cannes Critic’s Week three years after his entry in competition with Goodnight Cinderella. He also had complete retrospectives of his work at the French Cinémathèque in Paris and at the Amiens Film Festival. While mixing his feature film Flowers for Godzilla – a surreal teenage road movie about doomed lovers, swimming-pools and petrified forests – Carlos is working on a project called Beast: an allegorical biopic of the nativity donkey which inherits from Lucius Apuleius, Robert Louis Stevenson and Robert Bresson. In 2019 Serpentarius was presented at the 69th Berlinale in the Forum section.

O Inferno

Carlos Conceição

Portogallo 2011 / 20’ / v.o. sott. it. - eng.

screenplay Carlos Conceição

cinematography Vasco Viana

editing Carlos Conceição

sound Nuno Carvalho, António Pedro Figueiredo

cast Martim Barbeiro, Maria Leite, Ricardo Sá, Maria Albergaria, Gonçalo Waddington

producer João Figueiras

GALLERIE FOTOGRAFICHE

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito riteniamo che tu ne sia consapevole.